Universities must make languages relevant

20101203-011635.jpgThe numbers of students studying languages degrees is at its lowest in a decade – universities must make their academic study more pertinent, argues Professor Katrin Kohl, vice-chair of the Faculty of Modern Languages at the University of Oxford.

Learning a language is not only tough but may be dull unless it involves intellectual challenges, cultural attractions, and communicative rewards.

Find out more

 

Languages 2014 – 2025: are we set fair for the challenge?

 The real significance of Language Trends

Bernardette Holmes, Speak to the Future’s Campaign Director, comments on research published on 25 March, 2014.

Language is the keyThe publication of the 12th in the series of annual research exercises, Language Trends 2013-2014 carried out under the joint direction of CfBT and the British Council provides us with an up-to-date appraisal of language provision in English schools.  The benefit of this report is in its longevity.  It is the only survey which has collated annual data drawn from a sample of state maintained and independent secondary schools over this critical period in the development of language policy.

Read more

At risk of digital extinction: Europe’s smaller languages fight to survive

wordcloudNew language technologies present an important way in which we can enable smaller languages in the linguistically diverse digital age, helping them be heard around the world.

This threat of digital extinction for smaller languages will become even more acute as the internet – and the larger languages that it rode in on – extends into every aspect of our lives, dictating how we speak and think. Smartphones, tablets, mobile apps and social media all increase the reach of the digital universe, accompanying us from the second we wake up (and check the news and our email) to the last moment before we sleep (one final scroll through our Twitter feeds).

How can we reverse this trend for the European languages at risk? Read more 

E.U. Fights to Get Everyone Speaking Same Language on Education

In 2002, government leaders of the member states called for “at least two foreign languages to be taught from a very early age,” and in 2005, the Union’s executive body, the European Commission, declared a long-term objective “to increase individual multilingualism until every citizen has practical skills in at least two languages in addition to his or her mother tongue.”

“Learning a foreign language fosters diversity, social inclusion and intercultural dialogue in Europe and beyond,” Dennis Abbott, the European Commission’s spokesman for education, culture, multilingualism and youth, wrote in an email. “But language learning is more than that. In a globalized world, languages are a crucial asset for mobility and jobs, especially for young people.”

Read more

Minority languages fight for survival in the digital age

Language is about much more than just about talking to each other; it’s one of the bases of identity and culture. But as the world becomes increasingly globalised and reliant on technology, English has been reinforced once again as the lingua franca.

The technological infrastructure that now dominates our working and private lives is overwhelmingly in English, which means minority languages are under threat more than ever.

But it might also be true that technology could help us bring minority languages to a wider audience. If we work out how to play the game right, we could use it to help bolster linguistic diversity rather than damage it.

As more public services go online, the language in which those services are presented is all important. At the European level, around 55 million speak languages other than one of the EU’s official languages. In the UK, the total speakers of Welsh, Cornish, Scottish Gaelic and Irish number hundreds of thousands.

Language technology advances mean it will be possible for people to communicate with each other and do business with each other, even if they don’t speak the same language.

Read more

Online assessment and linguistic support for mobility of individuals under Erasmus+

Prior Information Notice

In the framework of the new programme the European Commission aims to provide a centralised online scheme to assess, monitor and support linguistic competences of individuals participating in mobility actions financed by the programme Erasmus+.

The upcoming call for tender will aim to select 1 or 2 provider(s) to supply and manage the relevant services.

Click here to know more.

The five cities with the most developed language policies according to LRE data are in ranked order Vienna, Barcelona, London, Milan and Krakow.

global-common-330x220-additional12

Language Rich Europe research provides a rich source of cross-national insights into multilingualism across the education sectors. This week we highlight Language Rich Europe findings in public services and spaces:

Language policies and strategies at city level were explored, as well as the number of languages in which public services are offered. In addition, city representatives reported
the actual languages available in both written and oral communication in education, emergency, health, social, legal, transport, immigration, and tourism services, as well as theatre programmes.
■ Sixty-three cities in total were surveyed, the basic criteria for selection being that in each country a capital city, the second largest city, and a city/town with a regional language presence were chosen. According to our researchers’ reports, all the cities combined provide services in 140 languages other than the national language.
■ Around one-third of the cities surveyed have a widely practised institutionalised strategy for promoting multilingualism, and half of the cities surveyed report that the offer of multilingual services is widely practised. Only ten cities out of the 63 cities surveyed do not provide multilingual services. Twenty-three cities make it policy to include language skills  in the job descriptions of their staff, and 18 provide widespread language training for staff. The five cities with the most developed policies according to the data are in ranked order Vienna, Barcelona, London, Milan and Kraków.
■ The most multilingual provision is in tourism, immigration and integration, legal services (oral communication) and transport services (written communication). Health services are also commonly offered in a number of languages. The lowest levels of multilingual services are in the cultural sector (theatre) and political debates/decision making.  Education services also do not rank as high as one might expect, given the large number of students (and their parents) attending schools across Europe who are not fluent in the official language of the country where they are educated.
■ Seventeen cities offer most of the above services in more than four languages, while 23 offer them in three or four languages. The cities which report offering the most oral communication services in the most languages are in ranked order London, Aberdeen, Glasgow, Madrid, Valencia, Zurich, Milan, Belfast, Barcelona and Lugano.
■ A lower number of cities responded as positively for written communication services, with only six reporting that most services are offered in more than four languages and 27 in three or four languages. This might suggest that cities place less emphasis on providing documents in multiple languages than in providing on-the-spot oral interpreting and mediation.
■ English is by far the most widely offered language other than the national language for oral and written services in all cities surveyed, followed in ranked order by German, Russian, French and Spanish. Chinese and Arabic also emerge as high priority and are offered by a number of cities. Welsh, Catalan and Basque are used widely in public services in the regions in which they are spoken. The outcomes for the most frequently reported languages in public services are very similar to those obtained for languages of newspapers.
■ We can infer that there are basically three types of target groups for oral and written communication services in public services and spaces: a) international travellers, business people and tourists b) immigrant groups, and c) speakers and readers of R/M languages.
■ In most city websites, English is the main language next to the national language. German and French are also quite common across our sample of cities. Some second largest cities have more multilingual websites than the capital city in the same national context. For instance, while Rome offers information only in Italian and English, industrial Milan offers information in eight different languages next to Italian. The same phenomenon is observed in Poland for Kraków versus Warsaw. In the regional cities surveyed, English is again the most common language used on city websites next to the national languages.

Does the city you live in take a positive attitude to languages? You can share good practice examples by uploading them here.

Welcome Croatia, Croatian and further debate

Welcome Croatia resonated across Europe this week. Croatia has become the 28th country to join the EU. The official ceremony took place in Zagreb on 30 June and celebrations carried on late into the night.

Croatia is a small country, with a population of almost 4.5m, bordering Bosnia and Herzegovina, Hungary, Montenegro, Serbia and Slovenia. It has over 1 200 islands and islets, of which only 48 are permanently inhabited. The currency is currently the kuna, but Croatia will adopt the euro once it fulfils criteria in areas such as price stability, public finances and exchange rate stability.

The European Commission now operates in 24 languages (prior to Croatia joining this was 23) and there has been lively discussion around this with varying views resonating. The web portal EU Careers has been recruiting Heads of Unit having Croatian as their main language in the field of translation for example.

Often we hear that it is far too costly and does not give Europe a much needed competitive advantage. Public Radio International for example is strongly opposed to what they think is a waste of EC investment:

The big irony, though, is that once they (EC interpreters) are away from the podium or the microphone, and they are hanging out with other European bureaucrats by the water cooler, they comfortably switch into English, the de facto lingua franca of the union.

While Language Rich Europe (LRE) research highlights the importance of multilingualism in the area of business and MEP Martinez Martinez, Vice President of the European Parliament, speaking to LRE earlier this year explained:

The price of multilingualism in the EC is the cost of one cup of coffee per citizen per year … 1/2 billion euros – quite a sum but much less than the cost of communication. Our budget for communication is much bigger but if we don’t communicate in all the languages then the communication becomes a horribly expensive thing because it only addresses a small minority.

On the other side of the spectrum supporters and speakers of Regional/Minority languages such as Catalan seem even more outraged. Plataforma Per la LLeangua for example launched this video criticising the EU language policy where only member state languages become official languages. The argument they use is that today Catalan (with 11.5 million speakers) continues to be excluded while EU’s newest language, Croatian (4 million speakers) gets full EU language status.

Although all languages should be treated equally do you think such an argument is wise? What would make the Regional/Minority languages cause stronger in your opinion?

 

Language Rich Europe chiude a Bruxelles e lancia il suo messaggio. Le parole chiave della conferenza

This week’s blog comes from our Language Rich Italy partners Silvia Minardi and Monica Barni. Here they are reflecting back over our final conference:

Il progetto Language Rich Europe è un progetto europeo coordinato dal British Council che ha raccolto, attraverso i 24 Paesi che vi hanno preso parte, 1200 attori nei campi dell’ educazione, dell’ economia, dei mass media e delle comunità locali di diversi Paesi e regioni d’Europa per discutere la reale applicazione delle indicazioni europee in materia di multilinguismo.

Per farlo sono stati raccolti e analizzati i dati raccolti attraverso un questionario che ha coinvolto esperti e ricercatori nei diversi Paesi. I dati sono stati messi a confronto con le normative europee e ciascun Paese ha elaborato tre raccomandazioni che sono state messe a disposizione delle istituzioni di ciascun paese. Alle raccomandazioni di ciascun Paese si affiancano le Raccomandazioni che gli esperti che hanno coordinato il progetto hanno elaborato e presentato nel corso della conferenza finale di Bruxelles del 5 febbraio. Per quanto riguarda l’Italia, oltre al British Council, i partner sono stati l’Università per Stranieri di Siena e l’associazione LEND, lingua e nuova didattica.

Di ritorno dalla conferenza del 5 marzo 2013 a Bruxelles con cui si è chiuso il progetto Language Rich Europe vorremmo poter riflettere su alcune parole che il progetto lancia attraverso i documenti e i lavori di questi anni di lavoro.

A Bruxelles abbiamo conosciuto e toccato con mano la doppia tensione che caratterizza l’Europa in materia di multilinguismo che si pone sul piano sociale e sul piano economico.

Abbiamo infatti avuto la riprova di come una società basata sulle diversità abbia bisogno di un nuovo modello culturale di riferimento e anche di sviluppo che dia ad ogni cittadino europeo gli strumenti per diventare mediatore tra lingue e linguaggi diversi. Questo modello non è possibile senza una politica linguistica aperta al plurilinguismo e all’educazione interculturale. Il punto su cui ci si interroga oggi è cosa intendiamo per “plurilinguismo” una volta capito che nessuno vuole rinunciare al modello “lingua materna più due lingue”, anche se è opinione condivisa da molti a Bruxelles e non solo che quel modello va ripensato e reso più attuale.

Ma c’è anche nelle istituzioni europee – che erano tutte rappresentate a Bruxelles – una netta convinzione che la diversità linguistica e politiche aperte al multilinguismo possono contribuire ad una efficace uscita dalla grave crisi economica che ci colpisce. Il legame tra le limitate competenze plurilingui dei cittadini europei e la difficoltà di accesso al mercato globale spinge le istituzioni a interrogarsi sul ruolo che adeguate politiche educative potrebbero svolgere per superare l’attuale congiuntura economica.

Proviamo a ripercorrere il lavoro della conferenza finale attraverso cinque parole chiave.

Diversità

Nella parola diversità abbiamo visto, ancora una volta, la fotografia di quello che è l’Europa e di quello a cui il vecchio continente non vuole rinunciare.

Un primo elemento chiave della diversità che emerge dalla ricerca che ha messo in luce i bisogni linguistici e dimostrato è che, nell’Europa in cui viviamo, i bisogni linguistici delle persone che la abitano sono profondamente mutati e maggiormente diversificati. La formula “lingua madre più due lingue” ha oggi bisogno di essere ripensata e attualizzata per ricomprendere anche le lingue del mondo e non solo le lingue europee. Vanno ripensati, in particolare, il rapporto lingua madre – lingua di scolarizzazione e il ruolo della lingua inglese rispetto alle altre lingue.

La formula “lingua madre più due lingue” sicuramente ha aiutato ad aumentare la presenza delle lingue degli altri nelle politiche educative, ma è stata anche interpretata in modo restrittivo, come “lingua madre più inglese più un’altra lingua”, limitando, nei fatti, la presenza di tante lingue nelle politiche scolastiche. È una formula che non tiene conto della presenza e del bisogno di comunicare anche in lingue non europee, ovvero delle lingue dei migranti i quali, se da un lato, hanno il bisogno e il diritto di conoscere la lingua del paese in cui vivono, dall’altro, devono poter vedere la loro lingua di origine valorizzata e insegnata nelle nostre scuole.

Un tratto importante delle diversità presenti in Europa emerge dal filone sulle città sempre più caratterizzate da una molteplicità di lingue e di culture. A fronte della paura e dei tentativi di chiusura nei confronti della diversità occorre reagire con strumenti che vanno nella direzione di una sempre più diffusa comunicazione in più lingue come se questa fosse la normalità e non l’anomalia.

Una prova concreta della diversità si trova anche nelle Raccomandazioni che ciascun Paese ha formulato, al termine del progetto LRE, sulla base dei dati della ricerca. Ci sono, nei diversi paesi europei, istanze e preoccupazioni diverse in ordine al tema del multilinguismo. Ci sono anche risposte e proposte di risposta che variano da realtà a realtà. Ecco perché accanto alle raccomandazioni che ciascun paese ha formulato per sé ci sono anche le raccomandazioni europee che valgono per tutti i Paesi coinvolti nel progetto e che inseriscono le singole istanze in un quadro di riferimento e in un orizzonte più ampio.

Coerenza

Anche se la diversità è nella realtà delle cose, occorre che i diversi attori rispondano alle diverse istanze riconducendole in un quadro coerente. Una coerenza, più volte auspicata, riguarda il concetto stesso di “multilinguismo”: non tutti i relatori che hanno preso parte alle tavole rotonde della conferenza di Bruxelles condividono la stessa idea e hanno avuto lo stesso approccio al concetto di educazione plurilingue e di educazione interculturale. Sicuramente ci sarebbe bisogno di coerenza all’interno del curricolo scolastico e tra i diversi livelli di scolarità oltre che tra le diverse tipologie di scuola. Si tratta di un terreno difficile da esplorare, se si considera il fatto che le politiche educative sono materia di competenza dei singoli stati.

Ci vuole coerenza anche tra i diversi attori coinvolti nella implementazione di decisioni e pratiche per rendere l’Europa sempre più multilingue: la ricerca dimostra che, a fronte di raccomandazioni anche molto precise a livello europeo in tema di mulitlinguismo, le risposte dei singoli stati e delle pratiche sia nella scuola che nelle comunità variano in modo tale da essere, nel migliore dei casi, su due binari che raramente si incontrano. Si pensi, ad esempio, a tutto il tema del doppiaggio e dell’uso dei sottotitoli nei film stranieri. Da una parte, c’è chi invoca da tempo l’uso di film non doppiati alla televisione. Al tempo stesso, tutti sanno che in molti paesi, quella del doppiaggio è un’industria che dà lavoro a molte persone. Su questo tema, ci sembra obiettivamente difficile riuscire a trovare un punto condiviso da tutti.

Valutazione

Anche se il tema della valutazione non è prioritario nel progetto LRE è emerso negli interventi dei partecipanti alla conferenza di Bruxelles, una preoccupazione diffusa: il livello di competenze raggiunto dagli europei in ambito linguistico non è omogeneo tra i diversi paesi e, soprattutto, viene considerato troppo basso. Diversi interventi si sono soffermati sui risultati di Surveylang, il progetto sull’indicatore europeo delle competenze linguistiche a cui hanno partecipato sedici paesi europei. I quindicenni europei, dopo aver studiato una o due lingue rispettivamente per un periodo di tempo che va dai tre ai sette anni in media, hanno una competenza limitata se si pensa che solo il 42% raggiunge il livello di “Independent user”.

Le indicazioni che la Commissione Europea ha dato nel documento “Rethinking education”, in particolare nell’allegato riferito alle lingue va nella direzione di spronare gli stati ad ottenere un più alto livello nelle competenze linguistiche per tutti.

Quello che sappiamo, in termini di apprendimento, è che i saperi di cui gli adolescenti di oggi avranno bisogno domani, non sono saperi statici o routine cognitive, ma capacità di analisi e di interazione, sono saperi complessi che, il più delle volte, sfuggono ai test e che richiedono didattiche collaborative e un insegnamento interattivo in cui chi apprende una lingua sia messo nella situazione di doversi servire di quella lingua per portare a termine un compito.

In tema di valutazione, una riflessione interessante e che potrebbe diventare presto un importante filone di ricerca riguarda le modalità di valutazione delle competenze plurilingui, considerato ad esempio che la condizione nativa di plurilingue riguarda molti alunni delle scuole.

 

Profilo diversificato

La parola “profilo” è stata usata, in alcuni interventi, a richiamare a tutti l’esigenza di riconoscere che, se è vero che servono competenze in più lingue per poter stare sui mercati mondiali e per poter vivere da cittadini europei il proprio tempo, occorre anche riconoscere a tutti la possibilità di sviluppare competenze in più lingue in modo diversificato e in modo parziale. Lo strumento del profilo delle competenze potrebbe aiutare sia i singoli sia le collettività e le imprese a riconoscere le lingue che si posseggono come risorse da utilizzare.

Da questo punto di vista i lavori del Consiglio d’Europa con il Quadro Europeo di Riferimento per le lingue e il Portfolio Europeo delle Lingue sono strumenti che possono essere utilizzati in un’ottica di promozione di una competenza plurilingue per tutti.

Politiche educative

In una educazione di qualità per tutti trovano un posto di riguardo le politiche che mirano a garantire a tutti un’educazione plurilingue e interculturale. Occorre ripensare l’insegnamento delle lingue oggi anche alla luce dei risultati del progetto LRE, delle riflessioni condotte dai ricercatori sull’indicatore delle competenze linguistiche, delle rinnovate esigenze di fabbisogno linguistico che il mondo dell’economia manifesta.

Al centro del rinnovamento della didattica delle lingue la conferenza LRE di Bruxelles ha messo l’accento sulla formazione dei docenti che ha bisogno di prevedere maggiori spazi di mobilità e strumenti di condivisione, anche tra docenti di lingue diverse, di modelli e di pratiche di innovazione.

 

Riflessioni finali

Le parole chiave della conferenza: diversità, coerenza, valutazione, profilo diversificato, politiche educative sono tutte da ripensare e da pertinentizzare nel contesto italiano. L’Italia presenta infatti, e paradossalmente in quanto paese nativamente multilingue, una grande carenza sia di interesse, sia di attitudine per la diversità e le lingue degli altri. Paradossalmente però, come mostrato dall’analisi dei risultati del progetto LRE, la chiusura verso le lingue non si traduce in una politica di difesa e diffusione sistematica della lingua nazionale. Possiamo affermare che l’intera sfera di pertinenza dell’educazione linguistica è in grande sofferenza: non esiste un progetto coerente di politica linguistica che, da una parte, miri a fornire sia agli italiani sia agli stranieri quella competenza in lingua italiana che li metta in grado di agire adeguatamente in una società complessa e di esercitare i propri diritti, e, dall’altra, fornisca a tutti quelle competenze nelle lingue degli altri che sono precondizione necessaria per affrontare le sfide del mondo attuale e dell’economia globale.

Occorre però rendersi conto che il disinteresse verso queste tematiche sta portando il nostro paese fuori dall’Europa e soprattutto fuori dal mercato globale.

How multilingual is your country/region? Language Rich Europe self-evaluation framework online now!

Image

How multilingual is your country/region? The LRE framework for language policies and practices in the form of questionnaires is intended as a practical tool for self-evaluation, for awareness-raising and for motivating key stakeholders to take action. It is envisaged that the results of the research will trigger follow-up case studies which will yield complementary perspectives and data. It is based primarily on EU and Council of Europe conventions, resolutions and recommendations.

LRE facilitates self-evaluation in language policies and practices in the following language domains:

-       Pre-primary education

-       Primary education

-       Secondary education

-       Further and Higher education

-       Audiovisual media and press

-       Public services and spaces

-       Business

It also covers a meta-domain, exploring the availability of official documents and databases on language diversity.

The questionnaire covers four language types in the above domains. These include national languages, foreign languages, regional/minority languages and immigrant languages.

These questionnaires have been established in the context of the Language Rich Europe project, co-funded by the British Council and the European Commission under its Lifelong Learning Programme (LLP). Due to this public funding, the resource is available via open access for any further exploitation. Those who would like to do so are requested to make the following references in any anticipated publications: